Le proprietà benefiche di frutta, verdura e cereali integrali sul nostro organismo sono comunemente note. Meno nota è l’incidenza che questi alimenti hanno sulla prevenzione del diabete. Numerose ricerche nell’ambito hanno chiarito il ruolo che l’alimentazione a base degli alimenti appena citati svolge.

Tra le più recenti citiamo il progetto europeo di ricerca European Prospective Investigation in Cancer and Nutrition che su un campione di ben 22.833 partecipanti adulti, durante un periodo di osservazione di dieci anni, ha individuato 9.754 soggetti che hanno sviluppato diabete di tipo 2, mentre 13.662 che non hanno sviluppato la malattia. A fare la differenza tra i due gruppi, secondo la ricerca della University of Cambridge School of Clinical Medicina, sarebbero stati i diversi consumi di frutta e verdura. Il diabete è meno frequente tra coloro che presentano livelli più alti di vitamina C e carotenoidi nel sangue, indicatori chiari dell’assunzione di frutta, verdura e cereali.

Gli studi hanno dimostrato come il rischio di contrarre la malattia sia quasi dimezzato: con appena 66 grammi di frutta e verdura consumati al giorno, vi è un calo del rischio di sviluppare il diabete pari al 25%.

Un secondo studio si aggiunge a quello appena citato, è quello della Harvard Chan School of Public Health di Boston che ha coinvolto la popolazione di 158.259 donne e 36.525 uomini verificando in ben 24 anni di studi come i partecipanti con il più alto consumo di creali integrali avevano il 30% in meno di casi di diabete.

La buona notizia è che basta aumentare anche di poco l’assunzione di questi alimenti per ridurre significativamente il rischio di malattia. Anche coloro che non sono amanti di questi cibi possono, con un piccolo sforzo, ottenere grandi benefici.